Smartphone e social network, i Big promuovono la disconnessione

Smartphone e social network, i Big promuovono la disconnessione

Gennaio 12, 2019 Off Di tgtnews

Grazie a smartphone sempre più performanti, e sempre più connessi a reti mobili a banda larga, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo sono connesse ai social network quasi in modalità H24, 7 giorni su 7. Finora le vendite, ogni anno, di milioni di cellulari, e l’ascesa degli utenti sui social network è stata sempre osannata e, tra l’altro, ha portato alla progressiva crescita delle azioni in borsa a Wall Street di colossi del settore come Alphabet, Amazon, Facebook ed Apple, ma anche per i Big di Internet e della tecnologia è arrivato il tempo della cosiddetta disconnessione.

In altre parole, per i social network e per società come la Apple disintossicarsi ogni tanto dall’uso compulsivo di social network e iPhone non è un male, anzi! Per offrire agli utenti soluzioni per tenere a bada l’uso del proprio cellulare, in futuro le app ed i social network dovrebbero offrire la possibilità di monitorare il tempo trascorso, ed al riguardo pure la Apple è corsa ai ripari, attraverso l’ultima versione del sistema operativo, introducendo contatori, grafici e tabelle sui tempi di utilizzo del device ed anche per ogni singola applicazione.

In pratica, colossi come Google, Facebook ed Apple, non si capisce bene se per senso di colpa, o per opportunità, finalmente hanno accolto gli allarmi lanciati già da anni dagli esperti sui rischi di dipendenza da smartphone, tablet ed altri dispositivi mobili. Per esempio, ultima in ordine di tempo, una delle prossime novità su Facebook è rappresentata dall’introduzione di ‘Do not disturb’, un apposito tasto con cui si invitano sostanzialmente gli amici a ‘Non disturbare’, mentre con ‘Screen Time’, come sopra accennato, la Apple con il sistema operativo iOS punta a rendere più consapevole l’utente riguardo ai tempi di utilizzo dell’iPhone e delle varie app con ricadute positive, ad esempio, quando ad utilizzare i dispositivi mobili sono i minori.

Non a caso, con l’ultima versione di iOS, sui dispositivi Apple i genitori, per l’uso dell’iPhone e dell’iPad da parte dei loro figli, avranno accesso all’Activity Report al fine di monitorare la loro attività ed anche per introdurre ed imporre limitazioni e restrizioni anche temporali, ad esempio rendendo inaccessibile il device nelle ore notturne. Al pari della Apple, è lecito scommettere sul fatto che, sul mercato delle telefonia mobile, gli smartphone di nuova generazione saranno sempre più attenti nel fornire soluzioni e servizi orientati proprio alla disconnessione. E lo stesso accadrà pure per il mercato dei tablet, dei laptop  e delle smart Tv.